Dedicato ai folli e ai sognatori

Voglio partire dal paratesto, che come sempre la dice lunga anche sul testo. Sulla locandina di La La Land – film candidato a 14 premi Oscar – campeggia la frase “Dedicato ai folli e ai sognatori”. Potrei chiuderla anche qui, perché lo slogan, coraggiosamente lanciato su tutti i poster, racchiude l’essenza stessa del film. Continua a leggere

Annunci

Rogue One, una storia di Star Wars

In quel periodo magico e oscuro che va dall’infanzia all’adolescenza ho passato parecchio tempo nell’universo di Star Wars. E non tanto grazie ai film: le vere porte verso gli angoli più remoti della galassia lontana lontana, almeno per me, sono stati i videogiochi. Perché indirizzavano linee narrative in ogni direzione, nel tempo e nello spazio; perché facevano luce su storie e personaggi soltanto accennati nella saga principale; perché, in alcuni casi, potevano osare – nei temi e nello stile – là dove i film non si sarebbero mai avventurati. Continua a leggere

The Young Pop

Doverosa premessa: non ho mai scritto di serie tv perché non vedo serie tv. Le ho sempre considerate un impegno troppo gravoso in termini di tempo e attenzione, nonostante sia un mondo che mi affascina da sempre. Ma se uno deve fare uno strappo alla regola, tanto vale farlo per una serie-evento, no? Continua a leggere

Sing Street, capolavorico

C’è questa espressione tutta anglosassone che mi ha sempre fatto impazzire: coming of age. Sentite come suona bene? Coming of age, dove per age si intende “adult”. Il passaggio dall’infanzia alla vita adulta, sintetizzato in tre parole ricche di sottintesi. E gli anglosassoni sono talmente bravi, e questa espressione deve affascinare tanto anche loro, che la usano anche per un genere narrativo preciso. E tra i miei film e libri preferiti compaiono tanti di quei coming of age che neanche vi immaginate. Continua a leggere

Se questo fosse un film americano

Se questo fosse un film americano, saremmo qui a parlare di Oscar al miglior attore, di grandi storie di rivincita e di una regia mozzafiato. Qualcuno storcerebbe il naso di fronte ad alcune scelte di sceneggiatura, altri elogerebbero il ritmo incalzante o la composizione delle scene, o magari la scelta delle musiche. Alcuni lo attenderebbero per settimane, forse mesi, e soprattutto la gente accorrerebbe in massa a vederlo al cinema. Continua a leggere

10 luoghi mitologici che ho visto solo nei film americani

La cosa che più ammiro del cinema – anche della letteratura, ma il cinema ha dalla sua la componente visiva – è la capacità di fondare immaginari collettivi. Il cinema dà forma alle nostre fantasie, crea ricordi che in realtà non abbiamo e ci fa stare tutti sotto lo stesso cielo. E il cinema – almeno in questa sua accezione – gli americani lo sanno fare troppo bene. Continua a leggere